Recap dell’Ask anything di Sixx Sense

Ieri si è svolto l’ask Anything per Iheart Radio di Sixx Sense ed è già disponibile la prima parte in cui Matt risponde alle domande fatte dai fan, tra cui una domanda fatta da una fan italiana.

Ecco in breve quali sono state le domande e le risposte:

– Qual è la tua canzone preferita di The Stage: Exist perché è fuori dagli schemi;

– Come hai scoperto il tema dell’intelligenza artificiale e dello spazio: Per prima cosa ho letto dei libri, ascoltavo podcast e ho googlato;

– Avete pensato di creare una linea di moda in onore di Jimmy chiamandola Stallion Duck?: Ci piace ricordare Jimmy con la musica, per il suo compleanno, il giorno della sua morte abbiamo dei rituali, non penso che sia appropriato;

– Qual è la vostra canzone che ti piace meno: Ce ne sono tante, Girl I know perchè è di scarsa qualità e Unbound perché è troppo sdolcinata per i miei gusti alla mia età;

– La prima parola che ti viene in mente se dico la parola fan: fanatici

– Rilascerete mai la canzone che ci avete fatto sentire nel video del 2016 A7X March Mania Song Tournament?: non è mai stata una canzone, stavamo scherzando;

– Quando siete stati in ad Helsinki avete fatto la sauna. L’avete fatta nudi come da tradizione?: non l’abbiamo fatta nudi ma un tizio ci ha detto come farla seguendo la tradizione. E’ stata una bella esperienza, abbiamo bevuto birre, anche se non è proprio salutare, e ci siamo divertiti

EDIT: Seconda parte dell’Ask Anything

  • Quando avete scritto Not ready to die avete tratto ispirazione da ‘Five minutes alone’ dei Pantera, me la ricorda sopratutto sul ‘You can’t break me’
    M: Non me ne sono mai accorto ma grazie di avermelo fatto notare, controllerò. Conosco ogni canzone dei Pantera, magari inconsciamente mi girava in testa mentre scrivevo quella canzone ma non voleva essere un tributo ai Pantera.
  • Visto che è quasi impossibile avere dei meet&greet cosa possono fare i fans per avere una possibilità di incontrarvi?
    M: Adesso c’è il fanclub, si chiama Deathbat Nation, puoi iscriverti. Faremo delle estrazioni per permettere alla gente di partecipare a dei m&g ad ogni show. Stiamo cercando di renderci più accessibili
  • Puoi darmi qualche consiglio sul canto? Ho imparato molto guardandoti ma non ho ancora imparato a cantare in scream senza farmi male alla gola.
    M: Per un buono scream dovresti cantare più con il naso che con il diaframma, più che una voce di petto, è una voce di testa ma ti consiglierei un vocal coach che ti insegni e possa seguirti.
  • Avete uno stage molto elaborato e dei notevoli effetti visivi.  Quanto è coinvolta la band nel design dello stage?
    M: Siamo coinvolti in ogni cosa, ci siamo rivolti a gente di cui ci fidiamo come Coopersmith e Trevor Ahlstrand a cui possiamo dare carta bianca sapendo che sanno quello che fanno. Ci siamo incontrati molte volte e ne abbiamo parlato a lungo prima che tutto fosse preparato. I mesi prima dell’inizio del tour corriamo in giro come delle galline senza testa, cercando di mettere insieme i pezzi ed è sempre un processo interessante.
  • Qualche ‘piccola band’ che ti piace ultimamente?
    M: Mi piace  il cd Hell or Highwater di Brandon Saller, i Gojira anche se non sono una piccola band ma nello schema generale magari sì e i Ghost. Non le definirei di secondo piano è semplicemente la musica che mi piace ascoltare di recente. Anche i Mastodon che non sono di sicuro una ‘piccola band’ ma adoro sempre ascoltarli.
  • Come scrivete i ringraziamenti per i vostri cd?
    M: Beh… negli ultimi due cd abbiamo praticamente copiato ed incollato dal cd precedente! Scriviamo, rileggiamo e vediamo se ci siamo dimenticati qualcuno. Per tutti quelli che comprano il cd devo dire che siamo molto contenti che vi prendete il disturbo di guardare anche i ringraziamenti! Non riesco a ricordare l’ultima volta che l’ho fatto io… ma so che quando ero un ragazzino, lo facevo sempre per vedere cosa ascoltavano i miei musicisti preferiti. Ho scoperto molte band in questo modo.
  • Quale è stata la più strana reazione di un fan che hai incontrato di persona? Ti sembra strano che si avvicinino nel caso ti dovessero incontrare?
    M: ho incontrato gente che ha dato ai figli i nostri nomi d’arte. Là fuori ci sono dei ‘Rev, Reverend… degli M.Shadows, molto interessante. Non lo definirei strano, la gente spesso è molto entusiasta, non mi da fastidio è sempre carino salutare.
  • Tiziana  e Anita

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...