Rubrica: il fan del mese #7

Come state Sevenfoldist? Riprendiamo oggi la rubrica “il fan del mese” e parliamo della neo maturanda Nausicaa.


Fan di luglio 2017: Nausicaa


Come ti chiami? Nausicaa.
Quanti anni hai? 18 e mezzo.
Di dove sei? Roma.
Suono la chitarra da un bel po’ di anni, prima strimpellando, poi dal 2012 a l’anno scorso ho preso lezioni, ora suono da autodidatta sia la classica che l’elettrica. La band è stata senz’altro la motivazione principale per la quale mi sono avvicinata a questo meraviglioso strumento. Il virtuosismo di Brian mi spinge a migliorare, e adoro riprodurre le parti ritmiche delle canzoni, per intenderci le parti nelle quali si diletta il nostro Zacky. Amo l’arte in generale, mi piace leggere e seguo qualche serie tv, apprezzo la cinematografia e mi informo quasi giornalmente dell’enorme lavoro di registi e sceneggiatori. Ho una grande passione per il doppiaggio, diventare doppiatrice è il mio sogno nel cassetto insieme a quello di diventare scrittrice.

Da quanto ascolti la band? Non mento dicendo che conosco la band da circa 10 anni, grazie ad un cugino più grande li ascolto da quando sono una ragazzina. Il diventare fan è stato un processo graduale, fino ad arrivare ad un picco altissimo conseguente ad un evento particolarmente significativo della mia vita.

Canzone preferita in assoluto?
Dear God. È la canzone che mi da letteralmente una fitta al cuore appena parte, è ricca di significati personali, ed ha quindi una carica emotiva senza pari.

Top 5 delle canzoni che preferisci:
Mi concedo di togliere Dear God, considerandola numero 0 della top 5. Gunslinger, And All Things Will End, Buried Alive, Bat Country (live), per il quinto posto litigano in parecchie, ma ci piazzo Paradigm.

Disco preferito: Il Selfititled. C’è tutto quello che desidero in un album.

Video Preferito: Seize the Day. Ho un debole per i video nei quali i componenti delle band recitano una parte.

Hai un componente preferito? Non esattamente… La voce di Matt è stata la prima cosa che mi ha colpito della band, sono una persona che fa molto caso al timbro di voce dei cantanti e a volte scarto le band solo per questo. Il suo timbro mi ha letteralmente scaraventata nel loro mondo e mi ha spinto a seguirli.
Secondo me è il miglior frontman che si possa desiderare, è un piacione diciamocelo, gli si vuole bene a pelle. È lui che mi ha preso per mano e mi ha detto “vieni con me, ti faccio conoscere questa bella famiglia chiamata Avenged Sevenfold”. In secondo luogo ho trovato in Brian un feeling caratteriale, una personalità unica nel suo genere, mi fa ridere ed è un chitarrista che riesce sempre a stupirmi. Trovo sia una persona estremamente colta musicalmente e si vede. Apprezzo inoltre il suo modo di dimostrare l’affetto che prova verso gli altri componenti della band, e mi ritrovo in lui quando nelle piccole cose dimostra costantemente che nonostante il distacco irreversibile con il suo migliore amico, Jimmy, ha sempre riservato per lui un pezzo di cuore. Ho sempre considerato la band come un’unità indivisibile, e trovo difficile dire per l’esattezza quale sia il mio componente preferito, starei qui ore a descrivere il ruolo che ricopre ognuno di loro per me, ma ho voluto accennare le cose più significative.

Li hai mai visti dal vivo? Ho visto la band due volte. A Milano nel 2013, dopo anni che lottavo per essere ad un loro concerto, avendo sempre qualcosa a remarmi contro. Il 23 novembre 2013 è senz’altro una data che ricorderò a vita, la prima volta non si scorda mai. Nonostante ciò, la data di Roma del 2014 mi è piaciuta di più. Fai che giocavo in casa, essendo di Roma, fai che i ragazzi stavano più in forma…
È stato uno spettacolo di concerto, ed hanno coinvolto il pubblico sin da subito nonostante non fossimo in tantissimi. Raggiungere le prime file è stata la ciliegina sulla torta dello show, anzi, lo è stato il pollicione alzato di Matt alla vista della mia bandiera. Ricordo ogni singolo momento, come fosse un film visto 100 volte.

Hai tatuaggi dedicati a questa band? No

Hai in progetto di farne uno o altri? Non ho tatuaggi, ma è nei miei piani farne alcuni dedicati alla band. Ho idee per lo più vaghe, ma spero di concretizzarle un giorno! Le idee meno vaghe sono una o due frasi prese da Gunslinger e Dear God, che DEVONO essere incise sulla mia pelle. E per anni mi ha solleticato il pensiero di fare il VII (7 in numeri romani) dietro l’;orecchio sinistro. Questo numero è la mia vita, ha altri mille collegamenti per me oltre a, chiaramente, quello della band. (Per intenderci hanno lo stesso tatuaggio Brian e Jimmy.)

Perchè questa band ti ha colpito così tanto? La band mi ha accompagnato in lungo e in largo in quella che è la mia vita, ho trovato in loro e nella loro musica un punto di attracco quando mi sembrava di naufragare. Ho ricordi estremamente tristi e talvolta estremamente felici legati a loro. Per me sono come degli amici, dei parenti, che ti fanno di volta in volta dei regali meravigliosi, e ti danno consigli su come affrontare certe situazioni. Le loro canzoni mi fanno riflettere, mi danno la carica, mi fanno smaltire la rabbia. Nella loro musica trovo quello che cerco, cose che moltissime altre band non mi hanno mai saputo dare, e nei loro testi sembra che abbiano sempre quella frase azzeccata a me. Do un’importanza enorme agli argomenti trattati nei testi ed alla loro profondità, e da sempre trovo le loro tematiche nelle canzoni intelligenti ed interessanti. Avendo iniziato ad ascoltarli molto presto, ho imparato da loro davvero un’infinità di cose, per certi versi sono stati dei maestri di vita. Sinceramente continuo ad imparare molto da loro, mi aprono la mente, mi stimolano. Questa band è la mia passione, una di quelle che mi porto dietro sempre e ovunque. Mi occupano la mente forse più di quanto la sanità mentale di una persona ordinaria sopporta, ma ci convivo. L’ansia di una data da comunicare, l’attesa di un video\singolo\album in uscita mi sconvolge l’intera giornata, e il pensiero di tornare a casa ed immergermi nelle loro notizie è da anni ormai una prassi e quasi un dovere! E poi perché certe coincidenze con la band in mezzo mi hanno lasciato spesso incredula, e mi hanno fatto capire che io senza questi ragazzacci non posso starci.

La cosa che ti piace di più di loro: Apprezzo il loro modo di essere, e come affrontano la loro fama. Come non hanno pregiudizi a livello musicale, spaziano molto, e tentano ogni volta di superarsi… riuscendoci. Mirano al loro progresso, non si considerano una band fatta e finita, ammettono che hanno ancora molto da imparare. Mi piace come molto spesso ignorano le critiche, sicuramente adesso meglio di qualche anno fa, e come vanno dritti al loro obiettivo senza perdersi in chiacchiere. Inoltre il forte legame che hanno l’uno con l’altro è assolutamente invidiabile.

La cosa che ti piace di meno di loro: Molto spesso non sono schietti, celano a volte la verità delle cose, oppure dimostrano troppo entusiasmo a ciò che in realtà non li entusiasma. Un’altra cosa di cui soffro parecchio è la durata breve dei concerti, ma so che è una decisione ponderata da fattori ai quali non posso andare contro. Per anni ho rimpianto la considerazione che davano ai fans diversi anni fa, c’era più comunicazione diretta, più voglia di incontrare i fans ecc. Però riconosco che ultimamente si stiano impegnando a colmare questa mancanza, e che si stiano avvicinando nuovamente a noi con diversi progetti e meet & greet.

Ci sono canzoni che vorresti sentire dal vivo che non sono attualmente in scaletta? Gunslinger, solo Dio sa come potrei reagire se solo la facessero live. Save Me, anche perché allungherebbe decisamente la durata del concerto! Vorrei inoltre una bella Higher. Francamente ne vorrei decisamente troppe live che non hanno in lista ma la finisco qui, finirei per dilungarmi troppo.

Qual è il ricordo più bello che hai legato a questa band? Ne ho diversi, ne elencherò alcuni.
-Grazie ad un meet di fans a Roma, organizzato dall’A7X Italia nel 2014 e dove io feci da referente, ho conosciuto una mia attuale amica con la quale ora condivido concerti, pensieri di ogni genere, e prima di tutto l’amore per questa band.
-Un altro ricordo è quando mi sono messa in gioco con lo street team, sempre nello stesso anno, mettendo in giro volantini per il concerto di Roma. È stato divertente, e il senso di orgoglio nell’aria mentre affiggevo i volantini era veramente inspiegabile!
– Il colpo al cuore per il video dedicato all’Avenged Sevenfold Italia per il suo 10º compleanno? Ne vogliamo parlare!? That’s amore, e ho detto tutto.
-Concerto di Roma, io nelle prime file, ho il cameraman di fronte che mi fa cenno di alzare più in alto la bandiera così da riprenderla al meglio. L’eccitazione conseguente al pensiero di esser stata ripresa per un loro dvd non devo nemmeno spiegarla. E non devo neanche spiegare la successiva “presa a male” per la fine che ha fatto quel dvd. Pace all’anima sua.
– Un altro momento top, è stato quando sempre durante il concerto di Roma ho dato vita ad un coro per Brian. Forse non è niente di che, ma iniziare a gridare il suo nome da sola e sentire che piano piano tutti ti seguono, e lui si inchina con quella vanità che lo contraddistingue, è estremamente bello e soddisfacente.

La lista è già lunga, ma non posso non dire questo.
-21 febbraio 2017, data infernale per molti di noi. Fitte allo stomaco solo pensandoci. Giornata da dimenticare e tutto, ma averla passata insieme a delle persone che stavano nel mio stesso stato con il tentativo di sollevarci l’umore a vicenda, mi ha aiutato a prendere “positivamente” anche quella giornata nera. La sera poi, sempre con lo staff dell’A7X Italia e altri amici, ho condiviso da bere e da mangiare molte delle cose che dovevano andare in pasto a quelle belve conosciute anche come Avenged Sevenfold. Siamo stati insieme, ed è solo insieme che si affrontano certe cose, e si superano sperando al meglio. Ho inoltre visto e toccato con mano il book dedicato ai ragazzi che grazie a Giada e Davide è finalmente arrivato nelle mani della band, e sempre grazie a loro, la band ha visto la mia facciaccia stampata nel book e letto qualche riga di quello che riassume il bene che gli voglio. La gratitudine che provo a riguardo è senza limiti.

In generale la cosa più bella è il senso di appartenenza che provo appena sento pronunciare “Avenged Sevenfold” fare parte della family è entusiasmante e comprensibile solo da chi ne fa parte.

Quale foto vuoi condividere con noi?

-Io con la mia bandiera “ITALY LOVES A7X” al concerto di Roma nel 2014. (Foto che inoltre anche i ragazzi hanno visto, olè!)
-Quella foto dei ragazzi risale all’incirca al periodo in cui li ho conosciuti ed è la mia foto preferita in assoluto, mi mette allegria solo guardandola, appaiono felici e spensierati ed è così che sono contenta di vederli.
-Matt con la maglietta dell’A7X Italia, per me è una delle dimostrazioni più intense del legame solido che si è costruito con gli anni tra noi e la band.
-Il vinile autografato di The Stage, che per me vale oro. Non vi sto a raccontare con quanta determinazione e ossessione ho cercato questo vinile, averlo tra le mie mani sapendo che ce ne siano relativamente pochi nel mondo, mi entusiasma non poco.
-L’ultima foto risale al 21 febbraio, della serata descritta precedentemente. In poche parole è stato uno di quei momenti in cui capisco perché ci definiamo “family”. Scattata in un orario nel quale saremmo dovuti essere non lì, ma davanti al palco. Il destino ha deciso così, e noi abbiamo tentato di accettarlo e renderlo ad ogni modo piacevole. Tipo mangiando cookies.

Vi ricordo che per essere anche voi il fan del mese delle prossime edizioni vi basterà inviarci le risposte a queste domande via mail a: admin@avenged-sevenfold.it

giada

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...