Biografia della band

Gli Avenged Sevenfold sono cinque amici californiani che, dopo essersi conosciuti ai tempi del liceo, hanno deciso di formare una band data la loro passione per il metal.

Nel 1999 M. Shadows infatti, dopo aver abbandonato la sua vecchia band in cui suonava il basso, fondò gli Avenged Sevenfold (a7x) con i suoi amici The Reverend, Zacky Vengeance e al bassista Matt Wendt.
Il bassista però lascia la band poco dopo.

Appena alla formazione si aggiunge il nuovo bassista Justin Sane i ragazzi, con l’aiuto economico di Valary (l’attuale moglie di Matt che all’epoca sottraè denaro ai propri genitori per aiutare la band), riuscì ad autoprodursi un primo demo (con 3 canzoni) nel 1999 ed un secondo demo (con 5 canzoni) nel 2000. E’ proprio grazie a questo secondo demo che nel 2000 la GoodLife Records nota la band.

Nel 2001 a causa di problemi personali, è Justin ad abbandonare la band dopo un tentativo di suicidio del ragazzo durante il Take Action Tour tour del 2001.
Il bisogno di mandare il ragazzo a curarsi fa rimanere nuovamente la band senza un bassista finchè non trovano Dameon Ash. Nello stesso anno si unisce anche Synyster Gates. A luglio dello stesso anno la band pubblica il suo primo EP “Warmness on the soul” e alcuni mesi dopo il loro primo cd Metalcore “Sounding the seventh trumpet”.

Nel 2002 anche il nuovo bassista abbandona la band e viene sostituito da Johnny Christ. Grazie a questa new entry la band riesce a continuare il tour e partecipa al Vans Warped Tour 2003, al fianco di tante altre band emergenti fra cui i My Chemical Romance.

Un anno dopo, il 26 agosto 2003, la band realizza il secondo album “Waking the fallen”, che vende 175mila copie e ottiene la top nella classifica Billboard, porta ad un tour sold out ed a una copertina sul famosissimo giornale Rolling Stone.

Nel 2004 il vocalist M. Shadows viene operato alla gola a causa di un grumo di sangue. L’operazione pare andata bene ma, nonostante tutto, pare che la sua voce sia rimasta comunque danneggiata. Ad un anno di distanza da questo brutto episodio, la band incide il suo terzo album “City of Evil”, questa volta con sonorità lontane dal Metalcore e più vicine all’hardrock e all’heavy metal. M Shadows abbandona così lo scream, in cui lui non si riconosceva più. Questo cambio di rotta, favorisce il successo della band che diviene una delle più famose d’America.

Nel gennaio 2006 gli A7X sono ospiti del programma Trl America Sparkin’ New Band Week insieme a Benji e Joel Madden (Good Charlotte) e di un’intera puntata a loro dedicata. Bat Country, uno dei singoli più famosi della band, enta alla posizione n. 1 a Trl America. Nell’estate 2006 la band si esibisce all’Ozzfest ottenendo numerosi consensi. A fine agosto la band vince il premio “Best new act” agli Mtv Video Music Awards, battendo artisti famosi come Rihanna e Angel and Airwaves. In quello stesso anno la band decice di cancellare una decina di date inglesi per dedicarsi a pieno alla stesura del nuovo lavoro “Avenged Sevenfold”.

Il 17 luglio 2007 la band pubblica il primo dvd “All excess” che racconta il tour e la storia degli a7x. Finalmente il 30 ottobre (il 9 novembre in Italia) esce in America il quarto cd della band, “Avenged Sevenfold”, totalmente autoprodotto dai 5 californiani. Il cd, che si distacca molto dal sound dei primi due cd, è l’espressione completa dell’evoluzione del gruppo, con ritmi a volte più affini al metal, a volte invece vicini a suoni più melodici. L’album debutta al quarto posto nella classifica Billboard 200 vendendo più di 90,000 copie, finendo per vendere nel tempo più di 500,000 copie tanto da aggiudicarsi il premio “album dell’anno” ai Kerrang! Awards.

Nel 2008 la band viene scelta come headliner al Taste of Chaos tour dove si esibisce con Atreyu, Bullet for My Valentine, Blessthefall e Idiot Pilot. Le registrazioni della loro esibizione a Long Beach diventa parte del “Live in the LBC & Diamonds in the Rough”, un cofanetto contenente il DVD live del concerto (videoregistrato il 16 settembre 2008) e un CD contenente 11 b-sides. Alla fine dell’estate dello stesso anno, per alcuni problemi alle corde vocali di Shadows la band è costretta a posticipare le date del tour con i Buckcherry e rinunciare ad un ipotetico tour estivo.

Nel febbraio 2009 la band torna on the road con un nuovo tour a fianco di Papa Roach, Buckcherry e Saving Abel. Il 16 aprile al Nokia Theater di Los Angeles suonano la canzone dei Guns’N’Roses “It’s so easy” condividendo il palco con Slash. Nascerà poi una collaborazione tra il noto chitarrista e M. Shadows che parteciperà al disco solista dell’artista prendendo parte nella canzone “Nothing to Say”. Durante la primavera/estate dello stesso anno, terminato il tour Americano, tornano a casa per iniziare a buttar giù materiale per il nuovo album. Nel frattempo fanno le loro ultime apparizioni prima di entrare seriamente in studio, partecipano al Festival Rock on the Rage in Ohio, USA (Maggio 2009), aprono gli show dei Metallica in Messico (Giugno) e si concedono due ultime date europee, quelle che saranno le ultime con The Rev a Dublino il 1° agosto e al Sonisphere Festival a Knebworth il 2 agosto.
Nel dicembre 2009 la band ha praticamente il nuovo disco pronto, le registrazioni sarebbero programmate per gennaio 2010, ma il 28 dicembre 2009 The Rev ci lascia. La band quindi si prende tempo per pensare e decidere del loro futuro.

Nel febbraio 2010 con un comunicato su Myspace viene ufficializzato il ritorno in studio della band insieme a Mike Portnoy, chiamato a onorare il lavoro di Jimmy. Tre mesi dopo il ritorno in studio, a maggio 2010, esce il primo singolo, Nightmare, che darà il titolo al loro quinto lavoro in studio, in uscita il 27 luglio 2010. Approfittando dell’aiuto offerto da Mike, la band inizia un tour mondiale che dovrebbe vederli on stage fino al 2011.
Alla fine del 2010, inaspettatamente, con un comunicato rilasciato prima da Mike Portnoy e poi in seguito dalla band, la collaborazione tra la band con il celebre batterista si conclude.
A dicembre esce anche il loro secondo singolo “Welcome to the Family” che darà il nome ad uno dei tour dell’anno successivo.

A gennaio 2011, ad entrare in veste di turnista alla batteria viene scelto dopo varie audizioni eseguite dalla band, il giovane Arin Ilejay già ex membro della band emergente americana “Confide”. Con Arin inizia quindi il “Nightmare After Christmas Tour” che gira l’America per tutto Gennaio e Febbraio 2011 e poi il “Welcome To The Family Tour” che proseguirà fino ad aprile per poi lasciar spazio ad un tour sudamericano ed al “Nightmare Euro Tour” che li vedrà in Europa per tutto il mese di Giugno.
Fra il “Welcome To The Family Tour” e quello sudamericano esce il video di So Far Away assai caro alla band.
Dopo una breve pausa la band tornerà ad esibirsi nel nord America e in Australia per poi ricominciare con il Rockstar Uproar Tour che li vedrà impegnati fino ad ottobre.

Il 2012 li vede finalmente tornare in Asia, dove li aspettavano da due anni con ancora Arin dietro le pelli. L’epoca Nightmare si conclude quindi, dopo due anni, chiudendo con quattro date in America. Gli ultimi due concerti li vedono sul palco dell’Orion Music Festival voluti fortemente dai Metallica a fargli da band di apertura.

Ad aprile 2013 la band inizia a inviare tweet criptici con #ItBegins. A giugno dello stesso anno, dopo aver prima annunciato un tour europeo che li vedrà sui nostri palchi da novembre a dicembre ed altre date, finalmente rilasciano ufficialmente la data di uscita ed il titolo del nuovo cd: si intitola “Hail to the King” ed esce il 27 agosto 2013. Questo cd scritto e registrato cone Arin Ilejay lo porta poi ad essere registrato nelle pagine della band come componente “ufficiale”.
Il 27 agosto 2013 esce il settimo cd della band “Hail to the King” anticipato dall’omonimo singolo, il disco vola direttamente nelle top 10 di tutte le classifiche mondiali e da il via ufficialmente a tutta una serie di date in festival mondiali e ad un tour che li vedrà dividere il palco con Deftones & Ghost BC negli USA e Five Finger Death Punch & Avatar in Europa.

Il 2014 è un altro anno assai pieno per la band: nei primi mesi dell’anno la band si divide fra i palchi di Australia e Sud America per un tour coronato da vari sold out. A seguire parte lo Shepherd Of Fire che li porterà in America e Canada per poi prendere parte ai principali festival europei in estate e, in autunno al tour organizzato dal Mayhem Festival come headliner. La band prosegue poi con due date in Giappone prima di prendersi una pausa di 5 mesi in cui si dedicano all’uscita della riedizione di Waking The Fallen, che esce col nome di Waking The Fallen: Resurrected e del videogioco a cui hanno lavorato per oltre due anni: Hail to the King, Deathbat.
A fine ottobre viene annunciato l’ultimo tour che toccherà le città asiatiche in cui la band non è passata nel corso del precedente tour mondiale. A seguito ci sarà una pausa, l’uscita del dvd live che dovrebbe avere il nome “This Is Bat Country” e poi la scrittura di un nuovo cd.

Il 2015 è l’anno di riposo della band. Il dvd in uscita viene annunciato con un trailer e poi se ne perdono le notizie. Questo anno vede abcge la band fare solo poche date: prima in Asia all’inizio dell’anno e poi tre festival americani in luglio. Pochi giorni dopo la conclusione delle date, la band annuncia con un messaggio sul proprio sito la fine della collaborazione con Arin Ilejay.
Ad ottobre dello stesso anno, la band annuncia di essere al lavoro su un nuovo album.
Ed è a novembre che il mistero su chi sia il nuovo batterista, viene svelato. Si tratta di Brooks Wackerman.
Inoltre, pochi giorni prima dell’uscita del videogioco Call of Duty: Black Ops III, la band annuncia di aver composto una traccia strumentale appositamente creata per il gioco, dal titolo Jade Helm.

Il 2016 inizia con la conferma che la band sta componendo materiale con il nuovo batterista e che il loro disco numero 7 sta iniziando a prendere forma. A gennaio viene anche annunciato che la band ha manifestato l’intenzione di rescindere il contratto con l’etichetta Warner Bros Records (da cui lavorano dal 2004), questo è il motivo dell’inizio di una causa legale fra le due parti e probabilmente del ritardo dell’uscita di “This Is Bat Country”, dvd annunciato da ormai due anni.
Il 13 ottobre, a sorpresa, la band rilascia un nuovo singolo da 8:33 minuti intitolato “The Stage”.
Pochi giorni dopo, il 27 ottobre, durante un live event tenutosi sul tetto della Capitol Records, la loro nuova etichetta, annunciano l’uscita del loro settimo lavoro, The Stage.

Anno di formazione: 1999

Componenti attuali:
– Matt Sanders (1999 – presente) – vocalist
– Zachary Baker (1999 – presente) – chitarra ritmica
– Brian Haner (2001 – presente) – chitarra solista
– Jonathan Seward (2002 – presente) – basso
– Brooks Wackerman (2015 – presente) – batteria

– Jimmy Sullivan (1999 – 2009) – batteria, seconda voce

Ex membri:
– Matt Wendt (1999 – 2000) – bassista
– Justin Sane (2000 – 2002) – bassista
– Dameon Ash (2002 – 2003) – bassista
– Arin Ilejay (2011 – 2015) – batterista

Collaborazioni:
– Mike Portnoy (2010) – batterista